Minni di virgini

0
217

Le minne di virgini sono un dolce tipico di Sambuca di Sicilia.

Fu preparato per la prima volta nel 1725 da suor Virginia Casale di Rocca Menna, del Collegio di Maria di Sambuca. La suora creò questo dolce, in occasione del matrimonio di don Pietro Beccadelli e donna Marianna Gravina, ispirandosi alle colline della Valle D’Anguillara, del Castelluccio e della Minulazza che vedeva dalla finestra della sua stanza.

Questo delizioso dolce è persino citato da Tomasi di Lampedusa nel “Gattopardo”, ha diverse versioni in base alle città della Sicilia.

A Palermo pare che sia stato preparato per la prima volta dalle suore del monastero di S. Maria delle Vergini e pare che il dolce fosse venduto al pubblico dalle stesse suore.

La storia delle “minni di virgini” di Catania è legata al culto di Sant’Agata. Si narra che l’imperatore romano, Quinziano, innamoratosi della giovane Agata, la volesse a tutti i costi, nonostante questa avesse già deciso di consacrarsi a vita religiosa. Per vendetta, la fece arrestare e martorizzare strappandole i seni. San Pietro le apparve in sogno, facendole ricrescere i seni. I dolci nel Catanese hanno la forma dei seni della Santa e, per tanto, prendono il nome di Minni di Sant’Agata.

Ciò che accomuna tutte le varie tradizioni del dolce è la bellezza e la bontà.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui